I LUOGHI DELLO SBARCO

Il film degli eventi del 6 giugno 1944 inizia poco tempo dopo la mezzanotte con il lancio delle prime truppe aviotrasportate britanniche tra l’Orne e la Dives. Poi a loro volta saltano sul Cotentin, all’altra estremità del settore, i paracadutisti americani. Nel frattempo i bombardieri pesanti della RAF bombardano le batterie d’artiglieria del Vallo Atlantico ritenute più pericolose.

All’alba i Tedeschi sbalorditi scoprono dprimai ai loro occhi un mare coperto di imbarcazioni. L’operazione Nettuno, prima fase dell’operazione Overlord, per la riconquista dell’Europa, è in cammino.

Alle 5 e 45 la flotta apre il fuoco sulle difese tedesche.

Alle 6 e 30 le prime ondate d’assalto americane toccano le spiagge di Utah e Omaha. Nel settore britannico e canadese l’assalto è lanciato con un’ora di divario per via dell’ora diversa di marea.

La sera del 6 giugno 20 000 veicoli e 155 000 soldati sono stati portati sul suolo normanno (compresi i paracadutisti). Le perdite (morti, feriti, dispersi) sono di circa 10000 uomini, molto meno di quanto lasciassero temere le previsioni.

Ad eccezione di Omaha dove la sorte della battaglia rimane a lungo in sospeso, il Vallo Atlantico è dappertutto sfondato senza remissione e gli Alleati penetrano una decina di chilometri all’interno.